Ipogeo Palmieri

Il progetto

Il lavoro sull’Ipogeo Palmieri di Lecce, una struttura funeraria d’età messapica risalente al IV sec. a.C., ha avuto come obiettivo quello di rendere fruibile un sito altrimenti inaccessibile ai turisti, in quanto ubicato nel giardino di una casa privata. Il processo di elaborazione ha consistito in un percorso completo di ricerca che, partendo dall’analisi e dalla restituzione 3D, si è concluso alla sua esplorazione virtuale.  Questo progetto è stato sviluppato nell’ambito del progetto DICET, che mira a definire e produrre modelli innovativi, processi e strumenti per lo sviluppo sostenibile di un territorio intelligente capitalizzando le sue risorse culturali ed ambientali, e potenziando la sua offerta turistica. L’indagine strumentale dell’ipogeo Palmieri è stata eseguita utilizzando due metodi diversi, attraverso lo scanner laser e l’uso di tecniche fotogrammetriche, al fine di ottenere un elevato controllo metrico del monumento ed un’alta risoluzione delle texture in particolare per la decorazione in bassorilievo dei fregi. I due diversi metodi di indagine hanno permesso un porting perfetto su diverse uscite: la visita Real-Time 3D su web e la visita virtuale su dispositivi portatili. Un’animazione stereoscopica oggi visibile presso il MUST (Museo Storico di Lecce), fornisce una facile diffusione del messaggio culturale. La ricchezza delle texture e la risoluzione dei modelli ha permesso lo studio del monumento da un punto di vista morfologico e strutturale e la sua riproposizione virtuale ha contribuito a dare un’inedita lettura alle tombe monumentali di età messapica.


 

Galleria


 

Video


Bibliografia

– Francesco GABELLONE, Ivan FERRARI,  Francesco GIURI, Maria CHIFFI, The Palmieri hypogeum in Lecce. From the integrated survey to the dissemination of contents, in: A.C. ADDISON, L. DE LUCA, G. GUIDI, S. PESCARIN (editors),Proceeding of the 2015 Digital Heritage International Congress, Digital Heritage International Congress 2015, 28 Sep – 2 Oct, Granada, Spain,  Granada 2015 – in print.


Attività e Tecnologie impiegate

Ricerca bibliografica e d’archivio, rilievo diretto e indiretto tramite laser scanner/Structure from Motion, riprese fotografiche e video, riprese aeree con drone, studio ed interpretazione dati archeologici, point cloud matching and meshing, hand-made 3D modeling, image-based modeling, procedural texturing, photo texturing, matte painting, rotoscoping, rigging, character animation, lighting scene setup, storytelling, animazioni, visual effects, regia, editing e compositing video.

Share on FacebookEmail this to someoneShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn