Pozzelle di Zollino e di Apigliano

Il progetto

Nell’ambito del progetto In.Cul-Tu.Re., una accurata campagna di rilievo ha preceduto lo studio di due importanti siti caratterizzati dalla presenza di un significativo numero di pozzelle. Nello specifico sono state prese in esame quelle presenti nell’area delle Pozzelle di Pirro a Zollino (Le) e di Apigliano, nel comune di Martano (Le). L’operazione è stata finalizza a supplire ex novo alle mancanze delle rilevazioni metriche precedenti e, laddove non presenti come nel caso di Apigliano, a realizzare la  necessaria cartografia di base in grado di fornire una puntuale e corretta lettura planimetrica del sito. A tal fine sono state adoperate differenti metodologie di rilievo indirettoutilizzando sensori tridimensionali, ovvero strumenti che consentono di generare un’immagine 3D della scena che inquadrano. L’impiego di una sola tecnologia non permette di raggiungere un risultato soddisfacente in termini di accuratezza geometrica, portabilità, automatismo, fotorealismo e bassi costi. La classe di sensori presa in esame è quella basata sull’uso della radiazione luminosa, all’interno della quale si può fare un’ulteriore distinzione in funzione della natura della luce che viene impiegata per effettuare la misura. Se si tratta di luce naturale i metodi di misura si dicono “passivi” (tecnica fotogrammetrica, Image based, etc.); se invece la luce è codificata in maniera da svolgere un ruolo nel processo di misura, si parla di “sensori attivi” (laser scanner, radar, stazioni totali, etc.). L’integrazione complementare fra diversi sistemi di rilievo 3D rappresenta un argomento centrale di ricerca in diversi ambiti disciplinari, all’interno del quale si studiano nuovi metodi per risolvere i problemi di com­patibilità tra le diverse tecnologie in maniera automatica o semiautomatica, esaltandone le potenzialità.


Galleria


Video


Bibliografia

F. GABELLONE, I. FERRARI, F.GIURI, Rilievo e restituzione grafica delle aree delle Pozzelle di Pirro e di Apigliano, in A. CHIGA, P. DURANTE, S. GIAMMARUCO,Conservare l’acqua. Le pozzelle di Zollino tra memoria storica e indagini scientifiche , Galatina 2015, pp. 63-70. ISBN 978-88-98289-56-1.


Attività e Tecnologie impiegate

Ricerca bibliografica e d’archivio, rilievo diretto e indiretto tramite laser scanner/Structure from Motion, riprese fotografiche e video, riprese aeree con drone, studio ed interpretazione dati archeologici, point cloud matching and meshing, hand-made 3D modeling, image-based modeling, procedural texturing, photo texturing, lighting scene setup, storytelling, animazioni, visual effects, regia, editing e video compositing.

Share on FacebookEmail this to someoneShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn