Teatro di Catania

Il progetto

Lo studio e la proposta ricostruttiva del teatro di Catania, realizzata nell’ambito del progetto “Ricerca & Competitività” 2007/2013 per le Regioni della convergenza DICET – INMOTO – ORCHESTRA, ha dapprima necessitato di un’accurata campagna di rilievo con laser scanner (Leica ScanStation P20), in grado di fornire tutti i dati di carattere metrico di cui la struttura sino a quel momento era carente. Le considerevoli dimensioni del teatro – esteso su una superficie complessiva di circa 5000 mq-, la presenza di ben tre ordini di ambulacri interni cui si aggiungono i vani di sostruzione e le rampe di scale per i collegamenti interni e per l’accesso all’ima, media e summa cavea, il prospetto esterno di quest’ultima in parte inglobato da strutture moderne, hanno necessitato di 39 punti di stazione impostati con una risoluzione di 6 mm su una dome di 10 m. La fusione manuale delle singole nuvole di punti ha portato a gestire un’unica nuvola di circa 3 miliardi di punti con un file .pts di circa 100 giga, da cui è stato estrapolato un modello 3D da 30 milioni di poligoni, successivamente ridotto a 3 milioni. La fase di acquisizione di dati si è anche avvalsa di tecnologie Image-Based con algoritmi di Structure from Motion, per i frammenti architettonici (capitelli, piedistalli, fregi, statue, cornici, ecc.) presenti nell’antiquarium e negli ambulacri. Lo studio incrociato dei dati editi con quelli emersi durante i rilievi effettuati, ho così consentito di elaborare una proposta ricostruttiva sia della cavea che dell’apparato scenico nella fase Giulio-Claudia -periodo al teatro fu aggiunto il terzo ambulacro esterno – e contemporaneamente a ricontestualizzare l’intero complesso nel tessuto urbano dell’antica città romana di Catania.


Galleria


Video


Riconoscimenti


Bibliografia

Daniele MALFITANA, Francesco GABELLONE, Giuseppe CACCIAGUERRA, Ivan FERRARI, Francesco GIURI, Claudia PANTELLARO, Critical reading of surviving structures starting from old studies for new reconstructive proposal of the Roman theatre of Catania, in: Proceedings of the 8th International Congress on Archaeology, Computer Graphics, Cultural Heritage and Innovation ‘ARQUEOLÓGICA 2.0’ , Sept. 5 – 7, 2016 Valencia (Spain).


Attività e Tecnologie impiegate

Ricerca bibliografica e d’archivio, rilievo diretto e indiretto tramite laser scanner/Structure from Motion, riprese fotografiche e video, riprese aeree con drone, studio ed interpretazione dati archeologici, point cloud matching and meshing, hand-made 3D modeling, image-based modeling, procedural texturing, photo texturing, matte painting, rotoscoping, rigging, character animation, lighting scene setup, editing e compositing video.

Share on FacebookEmail this to someoneShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn