Ramage ligneo del Villino Florio

Il progetto

Il lavoro si inserisce all’interno del progetto di restauro del Villino Florio a Palermo andato distrutto nel 1962 a seguito di un incendio. Costruito tra il 1899 e il 1902 dall’architetto Ernesto Basile per volere dalla ricca famiglia Florio, fu una delle prime opere architettoniche in stile Liberty d’Italia e  considerata uno dei capolavori dell’Art Nouveau anche a livello europeo. Il restauro, condotto dalla Soprintendenza di Palermo, avviato per ridare forma e vita a tessuti, ai legni e ai ferri, ha interessato anche lo scalone monumentale, con il complesso ramage floreale che ne decorava il soffitto. La mancanza di riferimenti progettuali relativi alla sezione del ramage, di cui esiste solo una documentazione fotografica in bianco e nero, ha portato alla necessità di approfondire la problematica della sua ricostruzione seguendo metodi scientifici nuovi ed avanzati. Così, grazie all’apporto specialistico del Laboratorio di Informatica Applicata dell’Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali (IBAM ITlab) del CNR di Lecce, è stato possibile ricostruire in 3D la complessa morfologia del soffitto, partendo dalla sola documentazione fotografica disponibile. Il modello 3D del ramage costituisce la base informativa necessaria alla successiva realizzazione dell’oggetto reale, eseguita nel 2016 con l’ausilio di macchine a controllo numerico su moduli in legno di rovere, assemblati e rifiniti così come apparivano nelle foto d’epoca. Grazie all’approccio numerico è stato possibile controllare l’intero processo di lavorazione e predisporre adeguate opere di rinforzo strutturale atte a sostenere il notevole peso del soffitto.

 


Galleria


Bibliografia

F. GABELLONE, I. FERRARI, M. MIRANDA, La ricostruzione del soffitto ligneo del Villino Florio attraverso tecnologie 3D, in Arkos. Scienza, restauro, valorizzazione, Quinta serie n. 15/16, gennaio – giugno 2017, Milano 2017. ISSN 1974-7950. – In print –

Share on FacebookEmail this to someoneShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn